Intervista a Cristiano Nesti

Foto Nesti_intervista

Lo scorso anno Cristiano Nesti ha corso per l’Associazione, la sua prima “Ultramaratona”, la Old Mutual Two Oceans Marathon di Città del Capo coprendo in sole 5 ore, 19 minuti e 39 secondi il suggestivo percorso di ben 56 chilometri. Oggi passa il testimone a un altro personal fundraiser amico dei bambini. Conosciamolo meglio.

Ci parli della sua passione per la corsa.
Corro dal 2012: in questi 3 anni ho corso 4 Maratone, una Ultramaratona e innumerevoli mezze maratone! Mi piace molto correre nel mondo: sono stato a Citta del Capo, Bordeaux, Parigi, Amsterdam; il prossimo 11 Ottobre parteciperò alla Maratona di Chicago e ad aprile conto di partecipare alla maratona di Tokio. Alterno i miei allenamenti a corsa nuoto e yoga. Il mio miglior tempo sulla mezza maratona è 1:33:34 alla Roma Ostia del 2015 e 3:18:18 alla Maratona di Parigi 2015.

Come ha conosciuto l’Associazione e perché l’ha scelta per la sua impresa?
Avendo un figlio piccolo e avendo perso la mamma per un cancro mi sono concentrato su un’organizzazione che si occupasse di ricerca sui Tumori dell’età infantile. Mi sono messo quindi a cercare in rete… et voilà!

Cosa ha significato per lei essere un personal fundraiser?
Tanto impegno per fare arrivare il giusto messaggio alla gente, far capire l’importanza del progetto e lo sforzo nell’organizzazione del medesimo.

Cosa diresti ad altri sportivi come te per avvicinarli a questa esperienza?
Direi di trovare una causa che li “accenda”. Per me sapere che correndo avrei potuto aiutare in qualche modo dei piccoli indifesi a sopportare meglio il loro travaglio è stata fonte di immensa motivazione e quindi forza.

Cosa auguri a Matteo?
Voglio dirgli che è un grande e augurargli di raggiungere i propri traguardi sportivi e solidali. Fai come Cristiano Nesti sostieni la ricerca scientifica DONA ORA

Nella foto Cristiano Nesti in una competizione e in primo piano con “L’imbuto” simbolo dell’Associazione per la Lotta al Neuroblastoma.