Forze Armate e Forze dell’Ordine esempi di sensibilità e altruismo

Le Forze Armate e le Forze dell’Ordine si dimostrano ancora una volta campioni di solidarietà e sensibilità. Tantissime le iniziative promosse anche in occasione di questa Santa Pasqua a favore della ricerca scientifica e soprattutto dei bambini ammalati. Di seguito vi raccontiamo quattro dei tanti esempi che in questi giorni si sono concretizzati in ogni parte d’Italia. Un grazie di cuore a questi uomini e a queste donne generosi e di cuore.

MASSA CARRARA: CAPITANERIA DI PORTO

Capitaneria 2018 gruppo

Si è svolta la scorsa settimana, nella sala riunioni della Capitaneria Marinella di Massa Carrara, l’ormai tradizionale “cerimonia” di consegna delle uova pasquali della nostra Associazione. A condurre la cerimonia, al fianco del Comandante Maurizio Scibilia, la Presidente dell’Associazione dottoressa Sara Costa.

L’incontro ha confermato il rinnovo di collaborazione ed amicizia con la Capitaneria in essere da diversi anni. «Con grande orgoglio - citiamo il Comandante Scibilia dalle pagine della stampa toscana - la Capitaneria di Porto di Marina di Carrara ha risposto “presente” all’appello dell’Associazione riuscendo a raccogliere un consistente sostegno economico tra i propri militari».

Da parte della nostra Associazione un grazie di cuore a chi, da tanti anni, con costanza e affetto si prende cura della nostra causa e dei nostri bambini.

Foto di Gruppo con al centro il Comandante Maurizio Scibilia e la Presidente dell’Associazione dottoressa Costa.

SIENA: ARMA DEI CARABINIERI E ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI

uovaPasqua-Carabinieri2018_2

L’Arma dei Carabinieri e l’Associazione Nazionale Carabinieri hanno regalato una mattinata speciale ai piccoli pazienti ricoverati al Dipartimento Materno Infantile e di Neuropsichiatria Infantile del Policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena. Si sono recati, infatti, in visita portando le uova di Pasqua solidali di “Cerco un Uovo Amico!”, regali e sorrisi ai bambini, alle loro famiglie e ai professionisti dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese. Presente all’evento il Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, Colonnello Stefano Di Pace, il Presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri, Sezione di Castellina e Radda in Chianti, Vice Brigadiere in congedo Beniamino De Gaetano e Paolo Brigliadoro, Responsabile della Campagna Pasquale “Cerco un Uovo Amico!”. A fare gli onori di casa il Direttore Sanitario dell’Azienda ospedaliero-universitaria senese, Roberto Gusinu, insieme al Direttore del Dipartimento Materno-Infantile, professor Mario Messina, e a tutti i professionisti del Dipartimento e della Neuropsichiatria Infantile. Un momento di festa e di solidarietà che ha ricordato ancora una volta quanto sia importante impegnarsi in prima persona per aiutare chi ha bisogno, soprattutto soggetti fragili come i bambini. Un grazie speciale a tutta l’Arma dei Carabinieri e all’Associazione Nazionale Carabinieri che da anni sono al nostro fianco per “difendere” i bambini dal Neuroblastoma.

Nella foto: il Colonnello Stefano Di Pace, il vice brigadiere in congedo Beniamino De Gaetano e Paolo Brigliadoro con le Benemerite che hanno partecipato alla distribuzione dei doni e una rappresentanza del personale ospedaliero

Guarda il video dell’iniziativa (clicca qui)

Guarda la Gallery della visita (clicca qui)

 

TARANTO: ALLIEVI SCUOLA VOLONTARI DI TRUPPA A.M. (SVTAM) DELL’AERONAUTICA MILITARE COMANDANTE-DELL'AREONAUTICA---DEZI Nella mattinata del 29 marzo una delegazione di allievi frequentatori del 17° e 18° Corso per volontari in servizio permanente (VTSP) della Scuola Volontari di Truppa A.M. (SVTAM) dell’Aeronautica Militare, accompagnati dal Colonnello Fabio Dezi, Comandante della SVTAM, è stato protagonista di un’iniziativa benefica a favore dei Reparti di Pediatria e Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale Santissima Annunziata di Taranto. Durante la mattinata, infatti, si è recato presso l’ospedale tarantino per donare ai piccoli pazienti uova di cioccolato. L’evento ha una duplice valenza benefica. Le uova infatti sono quelle del “Bambino con l’imbuto”. Il gesto, oltre a rendere felici i bambini ricoverati, permetterà di sostenere la ricerca scientifica e le cure per sconfiggere il Neuroblastoma e i Tumori Pediatrici. I piccoli pazienti e le loro famiglie hanno potuto vivere con entusiasmo una giornata diversa, circondati dal calore del personale della SVTAM che con immenso piacere ha donato affetto ed espresso la propria sentita vicinanza. L’iniziativa rappresenta la volontà della SVTAM di continuare a sostenere le molteplici attività di solidarietà tramite le quali il reparto sta mettendo in evidenza un forte e convinto impegno a favore della collettività, confermando, ancora una volta, lo stretto legame dell’Aeronautica Militare con il territorio e le Istituzioni locali.

Un grazie speciale alla SVTAM che ci dà concretamente un aiuto per perseguire il nostro sogno: guarire un giorno tutti i bambini ammalati.

Nella foto il Colonnello Fabio Dezi, Comandante della SVTAM che ha accompagnato gli allievi nella visita di solidarietà

VERONA: ESERCITO ITALIANO – CORSO BASICO PER VFP1 – 85° RAV 

Allievi 84° in ospedale_pasqua

I frequentatori del Corso Basico per VFP1 dell’85° RAV “VERONA” hanno donato le uova di cioccolato del “Bambino con l’Imbuto” ai piccoli degli ambulatori pediatrici e ricoverati nei reparti di pediatria dell’Ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento e del Reparto di pediatria dell’ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar.

L’idea è stata accolta con entusiasmo e gratitudine sia da parte dei giovani militari, sia da parte dei piccoli pazienti che hanno a loro volta regalato sorrisi e abbracci. L’iniziativa ha origine dalla campagna “Cerco un uovo amico!” promossa dell’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma Onlus, a cui anche l’Esercito ha concesso il proprio patrocinio.

L’85° Reggimento Addestramento Volontari “Verona”, di stanza alla Caserma Duca, ha contribuito così alla raccolta fondi per la ricerca su uno dei più frequenti e aggressivi tumori pediatrici prescolari, scegliendo le uova di cioccolato della nostra Associazione, decidendo poi, di regalarle ai bimbi ricoverati a Negrar e a Verona.

«Tutto il personale dell’85° Reggimento ha voluto partecipare all’iniziativa, – spiega sulle pagine della stampa veronese il Colonnello Alessio Gabriele Degortesma, in particolare, abbiamo voluto fosse un momento di riflessione e partecipazione dei nostri Volontari. Sono orgoglioso di loro e di come hanno dimostrato di essere cittadini, oltre che soldati, attenti e altruisti»

Nella foto: Gli allievi di Montorio nel reparto di Pediatria del Sacro Cuore. (Foto larena.it)