Jazz in Laurino, musica con i bambini nel cuore

Ancora una volta le note soffuse del jazz si diffonderanno per tutto il Parco del Cilento, con la diciassettesima edizione di Jazz in Laurino.

JazzinLaurino18_2Sarà un’edizione speciale, quella in programma dal 9 al 13 agosto nel caratteristico borgo arroccato su una collina sovrastante il fiume Calore Lucano, a circa 500 m di quota, in provincia di Salerno: il calendario dell’evento, organizzato come sempre dall’Associazione Suoni Liberi, sarà infatti incentrato su una serie di workshop che avranno come docenti musicisti di fama internazionale.

«Quest’anno – spiega Angelo Maffia, Direttore Artistico di Jazz in Laurino – ci siamo concentrati sull’offerta didattica: avremo artisti che hanno suonato e suonano con le più grandi star mondiali del panorama jazz e non solo, e che si sono affermati come musicisti e docenti in Italia e all’estero; saranno a Laurino Rita Marcotulli (Piano), Diana Torto (Voice), Andy Shepperd (Sax), Furio Di Castri (Doublebass), Marco Tindiglia (Guitar), Michele Rabbia (Drums). Siamo veramente soddisfatti – continua Maffia – perché la presenza di questi artisti, che tornano spesso a Laurino, conferma la qualità del nostro evento; l’11 agosto tra l’altro i docenti si esibiranno in un imperdibile concerto, mentre gli allievi saranno impegnati tutte le sere nei consueti Aperijazz, con musica e degustazioni di prodotti tipici dello street food, fino al grande concerto finale del 13 agosto».

JazzinLaurino18_3Laurino d’altronde è un luogo ideale per la musica, in cui trovare la concentrazione giusta per vivere al meglio le giornate intense dei workshop e assimilare ogni piccola sfumatura di una partitura, di una nota, di una improvvisazione: «La bellezza della natura che ci circonda – spiega ancora Maffia – il borgo, il silenzio e l’atmosfera tipica di queste zone fanno di Laurino la location ideale per il Jazz; io poi – ammette Maffia – amo questo territorio essendo nativo proprio di Laurino!»

Ma Jazz in Laurino è sinonimo anche di solidarietà: fin dalle prime edizioni è stato fortissimo il legame con l’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma: «Io e Angelo – interviene Giuliana Cangemi, moglie di Maffia – lavoriamo entrambi presso l’Istituto G. Gaslini, io come biologa e referente per la biochimica di Associazione NB, e lui come tecnico di laboratorio; siamo fortemente coinvolti non solo nel nostro lavoro ma anche in una grande opera di sensibilizzazione sui progetti di ricerca sostenuti dall’Associazione: io in particolare sono stata testimonial con mia figlia di una campagna di Natale e in occasione di diversi eventi; insomma, il legame è ormai indissolubile!»

In quest’opera di sensibilizzazione non poteva mancare Jazz in Laurino: «Siamo sempre presenti – spiega ancora Giuliana – con uno stand informativo e nel corso degli anni abbiamo anche organizzato eventi dedicati ad Associazione NB; gli appassionati di Jazz che arrivano a Laurino ormai ci conoscono e ogni anno vengono a chiederci dei progressi della ricerca e a fare delle donazioni spontanee: questa attenzione ci emoziona e ci spinge a fare sempre meglio! Anche gli artisti si fanno coinvolgere volentieri nella nostra opera di sensibilizzazione e indossano l’imbuto, simbolo della nostra Associazione: l’ultimo in ordine di tempo è stato Red Canzian, storico bassista dei Pooh e grande musicista, che lo scorso anno si è esibito a Jazz in Laurino».

Anche durante nell’edizione 2019 Associazione NB sarà protagonista: «Saremo presenti – spiega ancora Giuliana Cangemi – per tutta la durata dell’evento, vi aspettiamo per godere delle meraviglie del Cilento, ascoltare buona musica e… non da ultimo per aiutare i bambini!»

Informazioni: www.jazzinlaurino.it

Nelle foto alcuni momenti dell’edizione 2018 di Jazz in Laurino