L’Esercito Italiano “difende” i bambini dal Neuroblastoma

FFAA Torino Arsenale 2In una sala gremita di ufficiali e sotto ufficiali dell’Esercito Italiano si è tenuto, il 1° dicembre scorso, il convegno “Nuove frontiere della ricerca scientifica. Obiettivi e traguardi nella Lotta al Neuroblastoma e ai Tumori Pediatrici”.

«È stata una serata molto emozionante - spiega la dottoressa Sara Costa, presidente dell’Associazione - organizzata alla perfezione, in un palazzo che conserva in sé la storia del nostro paese e del nostro Esercito e che abbiamo avuto il piacere di visitare e conoscere grazie a un Cicerone d’eccezione, il Generale di Corpo d’Armata Claudio Berto, Comandante per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito ».

Il convegno si è infatti svolto nell’Aula Magna del Palazzo dell’Arsenale di Torino, attualmente sede del Comando per la formazione e Scuola di applicazione dell’Esercito, realizzato nella prima metà del ’700 dagli architetti Juvarra e De Vincenti e riportato nel 2010 agli originari splendori.

Dopo l’indirizzo di saluto del Generale Claudio Berto, l’incontro è proseguito con gli interventi del Dottor Maurizio Bianchi, oncoematologo pediatrico presso la Città della Salute e della Scienza di Torino, che ha affrontato il tema: Cos’è il Neuroblastoma, l’evoluzione della ricerca ad oggi in termini di sopravvivenza di guarigione dalla malattia.

Ha quindi preso la parola la dottoressa Matilde Calderoni, giovane e promettente ricercatrice dello staff del professor Aldo Pagano,Professor Aldo Pagano, biologo molecolare presso l’Università degli Studi di Genova, Dipartimento di medicina sperimentale (DIMES), anch’egli presente alla serata. La dottoressa ha parlato di come Aumentare l’efficacia e diminuire il dosaggio dei comuni farmaci antiblastici attraverso l’utilizzo di molecole particolari; Ricerca base traslazionale. La dottoressa Calderoni è un esempio di come la Fondazione Neuroblastoma, da anni sostenga e promuova l’attività dei giovani ricercatori, impegnandosi per la loro formazione e la loro esperienza sul campo.

Ha concluso il convegno la dottoressa Sara Costa, Presidente dell’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma che ha saputo coinvolgere ancora più i presenti sintetizzando i 24 anni di storia dell’Associazione, i traguardi raggiunti e le motivazioni che ogni giorno sostengono lei e il suo staff in questo costante impegno per sconfiggere questa terribile malattia.

«Il piacevole e partecipato incontro al Palazzo dell’Arsenale –  sottolinea la dottoressa Sara Costa, presidente dell’Associazione - è stata una delle tappe del road show che stiamo portando avanti in tutta Italia, a suggellare il prezioso e affettuoso legame che ci unisce da anni all’Esercito Italiano, grazie alla disponibilità e alla sensibilità del Capo di Stato Maggiore, Generale di Corpo d’Armata Danilo Errico e al sostegno del Generale Giuseppenicola Tota, che hanno creato le basi per vivere insieme questo viaggio verso la speranza. Un legame che si fa sempre più concreto e che ci vedrà ancora inseme il prossimo 5 maggio in occasione un un evento sportivo di primavera».

Un grazie speciale al Generale Berto per l’ospitalità, a tutto il suo impeccabile staff e ai partecipanti attenti e solidali che ci sono stati vicini per il bene dei bambini e per poter dire un giorno #stopneuroblastoma.

FFAA Torino Arsenale 3 FFAA Torino Arsenale 1

Nelle foto alcuni momenti del Convegno: in altro la dottoressa costa con il Generale Berto; qui sopra da sinistra il professor Pagano con il Generale e la tavola dei relatori