L’Istituto Comprensivo Marconi da anni dalla parte dei bambini malati

Le scuole sono un pilastro fondamentale per l’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma ONLUS: grazie a professori, alunni, assistenti al piano (tutti volontari) ogni anno riceviamo ottimi risultati dalla loro partecipazione attiva alla campagna pasquale.
Paola Strobino è una dei protagonisti che ci supportano. Professoressa presso l’Istituto Comprensivo E. Montale di Cologno Monzese, si è impegnata a farci conoscere all’interno di sei scuole: elementari, medie e un asilo.
istituto comprensivoCome è entrata in contatto con la nostra Associazione?
Conosco la presidente Sara Costa da quando eravamo piccole perché siamo entrambe di Borgosesia, amiche d’infanzia, ma ho conosciuto meglio l’associazione grazie ad un suo collaboratore, che qualche anno fa è venuto a raccontarci il progetto. Ascoltando la storia mi sono interessata e ho deciso di occuparmene io fin da subito.
In seguito ho scoperto che Sara era la presidente ed è stata una bellissima coincidenza. Così è iniziato tutto.

Da quanti anni partecipate come scuola?
Da circa 5 anni, ho iniziato con la mia scuola e poi ho coinvolto anche le altre. Inizialmente facevo tutto io, dalla raccolta dei nominativi alla distribuzione delle uova, ma fortunatamente dall’anno scorso una nuova referente mi supporta e ci aiutiamo a vicenda sul territorio.
Quest’anno partecipano 5 scuole, dall’anno prossimo andrò in pensione e non potrò più occuparmene direttamente, ma ho già trovato una degna sostituta per continuare la campagna!

Come sta andando la campagna pasquale di quest’anno?
Ci vuole del tempo, ma io parto sempre il prima possibile: parlo in anticipo a tutti i ragazzi e ai colleghi di questa importante iniziativa pasquale, fornendo tutte le informazioni …e fortunatamente la scadenza per richiedere le uova è stata posticipata, così potranno aderire anche i ritardatari!
Ci sono già 65 uova prenotate, altri ragazzi però stanno chiedendo le uova proprio in questi giorni, quindi c’è ancora tempo per aumentarne il numero.
In genere abbiamo sempre raccolto parecchio, sono molto contenta e soddisfatta: pur essendo in pochi, riusciamo a fare un bel lavoro!

Ci parli dell’incontro a scuola con la Presidente Sara Costa
Nei giorni scorsi Sara è venuta a trovarci: è il terzo anno che viene a raccontare la storia dell’Associazione e a parlare dell’importanza della raccolta fondi per la ricerca.
Mostra ai ragazzi delle slides con i ricercatori, presenta quelli dell’Istituto Gaslini di Genova e del Laboratorio di Padova e descrive l’originale possibilità di “adottare” un ricercatore.
Molte classi vanno poi a visitare il Laboratorio di Padova. Sara riesce a descrivere la malattia spiegandola con parole semplici, illustrando quali sono i progetti su cui si sta lavorando e cercando di far comprendere anche ciò che significa per il piccolo paziente e per la sua famiglia, con la voce di chi ha conosciuto questa difficile realtà molto da vicino.

Che risposta danno gli studenti?
La maggior parte è interessata e ascolta con attenzione. In generale il lavoro dell’Associazione suscita molto interesse; quando i ragazzi comprendono l’importanza della raccolta fondi per la ricerca, tanti ne parlano anche a casa con le famiglie.

Nella foto la professoressa Paola Strobino