Un Uovo Amico all’Università di Trento

A Pasqua anche la ricerca mostra il suo lato più dolce. L’Università di Trento ha deciso di sostenere la campagna “Cerco un Uovo Amico!” promossa dall’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma Onlus, per raccogliere fondi attraverso la distribuzione di uova di cioccolato. Obiettivo: sostenere gli studi sul Neuroblastoma, un tumore maligno, subdolo e aggressivo, prima causa di morte per malattia, dopo le leucemie, per bambini e bambine in età prescolare.
La campagna di Pasqua è stata illustrata nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta mercoledì 22 marzo in Rettorato. A presentare l’iniziativa sono stati il rettore Paolo Collini, il direttore del Cibio (Centro di Biologia integrata dell’Università di Trento), Alessandro Quattrone e la presidente dell’Associazione italiana per la Lotta al Neuroblastoma Onlus, Sara Costa.

Il ricavato servirà per finanziare le attività di ricerca sul Neuroblastoma, che vengono condotte anche all’Università di Trento presso il CIBIO (Centro di Biologia Integrata).

«Il Centro di Biologia Integrata dell’Università di Trento – ha aggiunto il direttore Alessandro Quattrone – ha avviato, da qualche anno, una linea di ricerca volta ad individuare il “tallone d’Achille” biologico del Neuroblastoma e, attraverso l’impiego di attrezzature robotiche di ultima generazione, a trovare dei farmaci nuovi che possano colpirlo efficacemente prolungando la vita nei bambini affetti dalla forma di malattia ad alto rischio. Questa ricerca si è concentrata sul cosiddetto “riposizionamento” di farmaci attualmente in uso per altre patologie, approccio che permette, qualora si identifichi una molecola efficace, tempi di sviluppo molto ridotti. I risultati ad oggi hanno permesso di identificare due farmaci candidati dalle caratteristiche interessanti, sui quali si stanno proseguendo le indagini». Il legame tra Associazione e CIBIO è ormai di lunga data e si sta consolidando di anno in anno con passione e impegno reciproco.

Le uova di Pasqua solidali potranno essere ritirate, a fronte di una donazione, a partire dal 27 marzo presso le sedi dell’Università di Trento, negli orari di apertura. Dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18 nelle sedi del Rettorato (via Calepina 14) e dei dipartimenti di Economia (via Inama, 5), Giurisprudenza (via Verdi, 53), Sociologia (via Verdi, 26) e in collina Ingegneria (via Mesiano, 77) e al Polo scientifico e tecnologico Fabio Ferrari (via Sommarive, 9). A Rovereto potranno essere acquistate nella sede del Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive (Corso Bettini, 84) e in quella del CIMEC Centro Mente/Cervello (Corso Bettini, 31) sempre dalle 8 alle 18 dal lunedì al venerdì. Alla Biblioteca Universitaria Centrale (via Adalberto Libera, 3) saranno disponibili dal lunedì al sabato dalle 8 alle 23 e alla domenica dalle 14 alle 20. Possono inoltre essere richieste direttamente all’Associazione Neuroblastoma negli stand che saranno allestiti durante i fine settimana nelle piazze di Trento oppure online sul sito di questa Associazione (clicca qui).

Per informazioni: tel. 010/9868319 oppure pasqua@neuroblastoma.org

Neuroblastoma_Quattrone Neuroblastoma_gruppo Neuroblastoma_Sara Costa Quattrone_Collini_Costa

Nelle foto alcuni momenti della conferenza stampa di mercoledì 22 marzo: da sinistra il professor Alessandro Quattrone, Direttore del CIBIO di Trento a cui studi sul Neuroblastoma verranno destinati i fondi raccolti; il Rettore dell’Università Paolo Collini e la Presidente dell’Associazione Sara Costa