Rinnovati legami di stima e solidarietà

Incontro_Polizia_2016_VG14446 Esercito Italiano - Sara con Generale giuseppenicola TOTAIncontro con VVFF 2016

Un messaggio di solidarietà e un attestato di stima importante verso i valori fondanti e quanto realizzato in questi oltre 20 anni di attività dall’Associazione sono arrivati in questi giorni da Forze Armate e Forze dell’Ordine da tempo al nostro fianco per sostenere la ricerca scientifica e garantire un futuro ai bambini ammalati.

A seguito di una serie di incontri hanno confermato il proprio impegno con la nostra “buona causa” la Polizia di Stato, per voce del Prefetto Franco Gabrielli, direttore generale della Pubblica Sicurezza; l’Esercito Italiano, nella persona del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Danilo Errico, e i Vigili del Fuoco, di cui si è fatto portavoce il Capo del Corpo Nazionale, Ingegner Gioacchino Giomi.

Tutti hanno confermato la propria disponibilità a farsi portavoce della campagna “Cerco un Uovo Amico!” che si svolgerà, come è ormai consolidata consuetudine, in tutta Italia da gennaio ad aprile.

In particolare, con il proprio patrocinio, la Polizia di Stato, si riconferma attenta ai bisogni di chi soffre e a offrire un aiuto concreto ai piccoli ammalati e alle loro famiglie.

Altrettanto farà l’Esercito che ha dato il proprio appoggio anche attraverso una serie di iniziative che si concretizzeranno dai prossimi giorni per tutto il 2017; tra le altre il logo del bambino con l’imbuto apparirà sul prossimo calendario dell’Esercito 2017.

Inoltre, grazie alla rinnovata collaborazione con i Vigili del Fuoco,  l’opera di sensibilizzazione passerà attraverso le tante caserme distribuite sull’intero territorio nazionale.

Nei prossimi giorni la presidente dell’Associazione, la dottoressa Sara Costa, incontrerà le massime cariche della Marina Militare, dei Carabinieri, dell’Areonautica e della Guardia di Finanza.

Nelle foto da sinistra: la dottoressa Sara Costa, presidente dell’Associazione, consegna l’attestato di amico della ricerca e dei bambini al Prefetto Franco Gabrielli, al  Generale di Corpo d’Armata Danilo Errico e all’ingegner Gioacchino Giomi.