“Trova il tempo”, quando la coralità incontra la solidarietà

Il Coro “Mont Rose” di Pont-Saint-Martin (AO) ha realizzato, in occasione del 40° anno di attività canora, un CD musicale molto speciale in cui la musica si unisce alla solidarietà e all’attenzione verso chi è in difficoltà.

«In occasione di un anniversario così importante – spiega il presidente del coro, Marco Cout – abbiamo voluto dare vita a qualcosa che rimanesse, lasciare una piccola impronta che guardasse al futuro. Ci sembrava riduttivo limitarci a organizzare una cena o un’occasione di festa e così abbiamo pensato di unire la nostra passione per la musica a un progetto con un importante obiettivo: guarire i bambini ammalati».

Il ricavato dalla vendita del CD del coro valdostano, e del tour di concerti in programma a partire dal prossimo autunno, sarà infatti devoluto ai progetti di ricerca scientifica sostenuti dall’Associazione Neuroblastoma.

Coro MontRose«Un tempo il coro – spiega il direttore, maestro Silvio Vuillermoz – aveva un naturale ruolo sociale. Era un momento di aggregazione, confronto e socializzazione unico al di fuori della famiglia; un’occasione per viaggiare, fare nuove esperienze, coinvolgere i giovani e incontrare persone nuove. Oggi quella valenza è un po’ sfumata, ma un coro come il nostro può trovare altre strade per incontrare il “sociale”. Noi abbiamo pensato di creare questo progetto di solidarietà e speriamo di essere di stimolo ad altre associazioni per fare altrettanto».

La parola futuro si sposa perfettamente con i bambini, pensiero principale e fulcro dell’attività dell’Associazione Neuroblastoma. Ma perché avete scelto proprio il nostro sodalizio?

«Aurelio Vacher, corista e membro del direttivo – spiega ancora Marco Cout - conosceva già da qualche anno l’Associazione NB e collaborava attivamente in occasione delle campagne di Pasqua e Natale. Ce ne ha parlato con entusiasmo sottolineando la serietà e la trasparenza dell’Associazione e l’impegno di tutti coloro che ne facevano parte. A noi l’idea è piaciuta e ci siamo attivati».

La scelta della proposta musicale del CD è molto articolata. I dieci brani presenti nella tracklist spaziano da canti di montagna ad arrangiamenti e nuove interpretazioni, tra musica e poesia, di alcuni celebri brani d’autore, da Leonard Cohen agli U2. Come è nata questa selezione?

«Il titolo che abbiamo scelto per il CD, “Trova il tempo”, è la sintesi dello spirito che ci anima. In questo titolo si racchiude il nostro forte legame con la tradizione, l’importanza della nostra identità e la volontà di fare del bene, dedicando il nostro tempo, e anche le nostre preghiere, al mondo che ci circonda. Ci piace pensare che questo sia un CD da ascoltare in famiglia, dal nonno al nipote. Per questo abbiamo intrecciato pagine conosciute della tradizione corale popolare riviste e rinnovate con brani del mondo Disney, preghiere in musica ispirate a Madre Teresa con pezzi di celebri gruppi della scena musicale internazionale. Questo lavoro è frutto di un pensiero nuovo di coralità ed ensemble musicale. Vogliamo che chi ci ascolta possa trovarci qualche cosa di originale e autentico».

“Trova il tempo” è una meditazione in musica, non c’è un vero e proprio filo conduttore ma sicuramente un percorso musicale intimo, profondo e allo stesso tempo “pop”, tutto da ascoltare.

Nella foto una suggestiva inquadratura del coro “Mont Rose” tratta dalla relativa pagina Facebook