Vuoi regalare un Natale speciale ai bambini?

Bambini-per-pagina-natale

«I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta» così inizia il celebre racconto del Piccolo Principe… e in effetti quante cose ci possono insegnare i bambini, che noi grandi abbiamo smesso di capire e di cercare.

Ma se una cosa l’abbiamo chiara in testa è che noi dobbiamo garantire a tutti i bambini un futuro, felice e soprattutto in salute. Un pensiero condiviso con tutti voi che da anni siete al nostro fianco per sconfiggere questa terribile malattia chiamata Neuroblastoma. E non smettere mai di dimostrarcelo. Lo scorso anno, in occasione del Natale, avete donato alla ricerca scientifica, attraverso la scelta dei nostri doni solidali e con la generosità delle libere erogazioni oltre 150.000 euro. Quest’anno, per contraddire il Piccolo Principe, e dimostrare quanto capiamo noi adulti, puntiamo a raccoglierne 200.000 che ci permetteranno di garantire nuovi contratti ai nostri ricercatori, quotidianamente impegnati in questa battaglia contro il cancro!

Per ringraziarvi della vostra generosità per il Natale 2017 abbiamo raddoppiato i nostri regali per voi creando una collezione di oggetti in ceramica che sicuramente vi piaceranno molto. Accanto all’ormai tradizionale pallina, abbiamo selezionato una campanella, i graditissimi magneti, con quattro nuovi soggetti, utili oggetti per la casa (portamestolo, posate per insalata) e abbiamo rinnovato il nostro pacchetto di cioccolatini dell’imbuto. Non mancheranno ovviamente i biglietti di auguri e, per le aziende, la possibilità di creare lettere di auguri personalizzati. La solidarietà è un grande dono per il vostro Natale.

A breve sarà tutto on line. Tenetevi pronti per regalare un Natale speciale per tutti i bambini!

Quindi, per dirla sempre come il Piccolo Principe:
Gli uomini coltivano 5000 rose nello stesso giardino… e non trovano quello che cercano… e tuttavia quello che cercano potrebbe essere trovato in una sola rosa o in un po’ d’acqua. Ma gli occhi sono ciechi. Bisogna cercare col cuore!

 

Foto © Barbara Pillola – Genova
Per tutelare la privacy dei bambini nomi e foto non rappresentano necessariamente i protagonisti delle vicende narrate.